Finanziamenti agevolati

Uno strumento molto interessante è quello del finanziamento agevolato, o meglio finanziamento a tasso agevolato. Il finanziamento a tasso agevolato, come nel caso di contributi a fondo perduto, viene concesso da Enti pubblici (Regioni, Sistemi camerali, Stato o Unione Europea) ed in diversi casi prevede anche il coinvolgimento di Banche o Società di Leasing convenzionate. Vediamo di capire in dettaglio il suo funzionamento.

Cos’è un finanziamento a tasso agevolato?
Il finanziamento, viene definito a tasso agevolato, quando viene concesso a condizioni più vantaggiose rispetto all’offerta di mercato. Cioè quando il tasso applicato è nettamente inferiore alla media dei tassi applicati dagli istituti bancari e di credito.

Come si ottiene?
Il finanziamento agevolato viene concesso sulla base di bandi e di conseguenza di normative specifiche, stabilite dall’Ente Pubblico che lo eroga. La procedura di concessione è pertanto diversa rispetto al normale finanziamento bancario, nella maggior parte dei casi, è richiesta la presentazione di un progetto e di un piano di investimenti.

A seconda del bando e del finanziamento richiesto, diverse saranno le modalità di concessione, la durata, l’importo finanziabile, le modalità di presentazione della richiesta, la relativa rendicontazione e le modalità di rimborso dello stesso.

Il finanziamento a tasso agevolato prevede la partecipazione anche di istituti di credito?
Diverse forme di finanziamento a tasso agevolato prevedono la partecipazione di Istituti di credito, questo significa che una parte dell’investimento verrà coperta dall’Ente a condizioni vantaggiose e la restante dall’Istituto di credito. L’Istituto di credito che partecipa al progetto, nella maggior parte dei casi, deve necessariamente essere uno tra quelli convenzionati con l’Ente erogante.

Qual è la durata del finanziamento agevolato?
A seconda della normativa, il finanziamento a tasso agevolato può avere una durata che varia dai 3 ai 7 anni, con solitamente 1 anno di preammortamento. Naturalmente, ogni Ente, a seconda delle proprie esigenze ed obiettivi da raggiungere può prevedere di modificare la durata del finanziamento, è opportuno pertanto in caso di richiesta di finanziamento verificare le condizioni definite nello specifico bando.

Il rimborso, in linea generale, prevede il pagamento di rate con cadenza semestrale (giugno e dicembre).

Come avviene l’erogazione del finanziamento?
Solitamente, il finanziamento viene erogato una volta completate le attività di progetto e sostenute le relative spese. Se previsto dalla specifica normativa, è possibile richiedere un acconto dietro presentazione di un idonea garanzia, in caso contrario, si potrà optare per l’erogazione ai diversi stati di avanzamento lavori o al completamento dell’investimento.

Il finanziamento a tasso agevolato può essere soggetto al Regolamento de minimis dell’Unione Europea?
Si. Nella maggior parte dei casi, una parte del finanziamento a tasso agevolato deve essere inserito nella dichiarazione de minimis dell’impresa. La quota da inserire viene comunicata dall’Ente Erogante al momento della concessione del finanziamento.

I massimali da rispettare, nei tre esercizi finanziari, sono pertanto i seguenti:

  • imprese produzione di prodotti agricoli € 15.000,00;
  • imprese settore trasporto su strada € 100.000,00;
  • imprese di tutti gli altri settori € 200.000,00.
Cercare il finanziamento più adatto alla TUA IMPRESA è molto semplice, basta compilare il form a lato e ricevere una consulenza gratuita!

Affrettati…le occasioni sono tante e imperdibili!!!