Patent box: tassazione agevolata sui redditi derivanti dalle opere di ingegno

Il decreto Patent Box introduce un regime opzionale di tassazione per i redditi derivanti dall’utilizzo di opere dell’ingegno, di brevetti industriali, di marchi, di disegni e modelli, nonchè di processi, formule e informazioni relative ad esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico giuridicamente tutelabili.

Possono optare per il regime opzione, a condizione che esercitino le attività di ricerca e sviluppo tutti soggetti titolari di reddito d’impresa (IRES – IRAP) ovvero:

  • imprese commerciali;
  • imprese industriali;
  • imprese estere con stabile organizzazione in Italia.

Sono escluse le società semplici, associazioni professionali ed imprese assoggettate a procedure concorsuali.

L’opzione ha ad oggetto i redditi derivanti dall’utilizzo di:

  • software protetto da copyright;
  • brevetti industriali siano essi concessi o in corso di concessione;
  • marchi d’impresa;
  • disegni e modelli giuridicamente tutelabili;
  • infomazioni aziendali (know-how).

patent-box

L’opzione deve essere esecitata nella dichiarazione dei redditi relativa al primo perdiodo d’imposta per il quale si intende optare per la stessa ed è valida per 5 periodi d’imposta.

L’opzione in questione è rinnovabile ed irrevocabile.

La detassazione varia a seconda dell’anno di competenza, in particolare:

  • anno 2015: tassazione ridotta del 30%
  • anno 2016: tassazione ridotta del 40%
  • anno 2017: tassazione ridotta del 50%.

Per maggiori informazioni contattare il n. 030/301952.